Scacchibancarella

PIANETI | URANIA 1-899 | URANIA 900-1500 | URANIA vari e tascab | LIBRI SF | LIBRI SF NORD 
SF ANTIQUARIA | LEM 7! | AMICI della FB | PSEUDONIMI | VARIETÀ, CULTURA | FAQ | HOME

il CUSTODE

Scacchi e letteratura (1)  -  Scacchi e letteratura (2)


 

Catherine Neville - IL SEGRETO DEL MILLENNIO 

titolo originale: THE EIGHT - Ballantine 1988

 (traduzione di Chiara Libero - collana OMNIBUS MONDADORI - ISBN 880432944-0 - I ediz. italiana: novembre 1989 )

 

IL SEGRETO DEL MILLENNIO - cover della I edizione Omnibus Mondadori

 

Un romanzo-fiume avventuroso (più di settecento pagine!) ricco di temi scacchistici in maniera sorprendente.

Due sono le protagoniste: Mireille, novizia di un convento francese negli anni della Rivoluzione, e Velis, giovane professionista ed esperta di computer nella New York del 1973.

La vicenda oscilla continuamente fra due epoche. Tutto ruota attorno a una serie di scacchi misteriosi e di antica origine sparsi per il mondo, gli Scacchi di Montglane. Scienziati e potenti di ogni epoca e luogo sono all'affannosa ricerca di questi pezzi e del tremendo potere che essi procurano.

Le due donne si ritrovano ad agire in ruoli che non capiscono, ma connessi a questi pezzi. Man mano realizzano di giocare un'immane partita a scacchi, guidate da oscure volontà e si ritrovano, loro malgrado, ad essere custodi di strani misteri. Numerosi personaggi misteriosi e amici inaspettati appaiono ed intervengono in loro ostacolo o in aiuto. La caccia ai pezzi si protrae nelle due epoche, e solo alla fine, dopo molte avventure, il mistero degli scacchi e il legame fra le due donne sarà svelato.

Tanto per darvi un'idea delle sceneggiature, ecco l'incredibile schiera di attori non protagonisti che prendono parte a questo film.

Filosofi e scienziati: Eulero, Fibonacci, Fourier, Newton, Pitagora, Rousseau, Voltaire, più Nim e Solarin, due fisici-scacchisti russi, fratelli, ed entrambi innamorati di Velis (!)

Musicisti: Bach, Philidor.

Potenti del passato: Carlo Magno, Caterina di Russia, Napoleone, Elisa Bonaparte (sorella), Letizia Bonaparte (madre), Richelieu, Talleyrand.

Potenti del presente: Gheddafi, Re Feisal, Yamani, i ministri OPEC.

Personaggi storici: Carlotta Corday, Casanova, Danton, il pittore David, Marat, Robespierre, Madame de Stael.

Sette religiose: Asshasshin, Shia, Massoni, Rosacroce, Templari.

Nella seconda edizione Mondadori (Oscar Best Sellers, nov. 1991) troviamo in quarta di copertina questa trama accattivante:

"Ogni pezzo della scacchiera era unico, un gioiello inimitabile; ogni scacco racchiudeva un misterioso potere. ma dietro la leggenda della scacchiera di Carlo Magno si cela una straordinaria verità, e una giovane americana esperta di computer è vicina, vicinissima a scoprirla. Ma non è la sola ad avere intuito... Dalla casbah di Algeri ai quattro angoli del mondo, un'appassionante storia fantasy intreccia la favola della realtà, il potere degli intrighi, l'azione all'enigma. Un eccitante viaggio oltre i confini del tempo e dell'impossibile"

cover dell'edizione Oscar Best Seller

Ed ecco le tematiche di interesse scacchistico.

Scacchi come ambientazione storica. Molte sono le scene basate su personaggi e ambienti scacchistici del passato e del presente: Philidor, il Cafè de la Régence, il Manhattan Chess Club. Presenti anche scene di torneo fra grandi maestri, con relative manìe, mutuate da quelle di Fischer.                       (piccolo appunto: troviamo scritto Fisher)

Scacchi come struttura portante. Si possono riscontrare delle analogie con La Scacchiera di Brunner. Anche qui si può individuare - anzi, è esplicitamente affermata nel titolo di ogni capitolo! - l'equivalenza fra azione di un personaggio e mossa di una partita, anche se si tratta di un'equivalenza generica, e non spinta fino ai livelli del romanzo di Brunner. Per converso, in quest'ultimo solo il protagonista (Haklyut) sapeva di essere un pezzo, mentre qui addirittura tutti sono al corrente del loro ruolo; per giunta paiono dotati di libero arbitrio.

Scacchi e simbologia. Negli Scacchi di Montglane si cela ciò che hanno sempre cercato religioni, stregoni, sette, sapienti, alchimisti, scienziati, artisti e filosofi di tutti i tempi.

Scacchi e metafore letterarie. Gran profusione di aforismi scacchistici di autori come Carrol, Eliot, Bergman, Hesse, Borges. Di quest'ultimo è riportata per intero la celebre poesia. Parecchi aforismi di maestri del calibro di Fischer, Tartakover, Korcnoj, Botvinnik, Bronstein.

Scacchi come analisi retrograda. La soluzione stessa dell'enigma degli Scacchi di Montglane richiede calcoli cabalistici, indagini storiche e una sorta di analisi scientifica. Analogia formale, quindi, col romanzo poliziesco.

Partita-avventura. È di quelle più sfrenate. Anche qui, come in Funerale a Berlino di Deighton, c'è una frase scacchistica o un cappello esplicativo del senso scacchistico di ogni capitolo. Anche qui gli intrighi si sprecano, e per di più vi sono due squadre ben definite di buoni e cattivi, che giocano la partita-romanzo e sanno di essere i ‘Bianchi' e i ‘Neri'.

Sono invece completamente tralasciate le tematiche umane di tipo interiore. Benché si descrivano alcuni risvolti psicologici di un match fra grandi maestri, non si tratta di descrizioni ‘in soggettiva', come ad esempio quelle di Dav Bogar in Pianeta Morphy . E non voglio neanche disturbare i maestri delle metafore sulla sofferenza umana come Bergman, Nabokov, Maurensig, Zweig.

Ma è proprio la natura di quest'opera, che in fondo ha le caratteristiche del feuilleton (così si chiamavano i lunghi romanzi a puntate sulle riviste di fine secolo, antenati libreschi delle telenovelas ) che impedisce gli approfondimenti psicologici dei personaggi (veramente troppi).

In questa cavalcata avventurosa fra un passato e un presente legati a filo doppio, tutto corre velocemente (e superficialmente) verso il momento delle rivelazioni finali.

un'altra edizione del SEGRETO DEL MILLENNIO: CDE su licenza Mondadori, agosto 1990

 

...ma in fondo, che importa? Leggetelo, e divertitevi. È simpaticamente traboccante di scacchi, e in più evocherà le risonanze misteriose de Il Segreto del Sahara, l'avventurosità di Indiana Jones , gli ambienti storici di un romanzo di Dumas, gli intrighi di spionaggio di un Segretissimo e, in certi momenti, le atmosfere di un romanzo rosa. Questo per via dalle impeccabili descrizioni dei turbamenti femminili e dell'abbigliamento adescatore, scelto con cura di volta in volta.

In fondo, si tratta di donne belle, giovani e desiderate. E che di scacchi ne capiscono. Una goduria!

 

Attenzione, attenzione. Aprile 2009. Il Segreto del Millennio... ha un sèguito! Si chiama...

"IL FUOCO"

(ne riparleremo...)

 

 
    Il Custode
 


 
Appunti di scacchi e letteratura 1  -  parte 2


Indirizzo e-mail del Custode:
custode CHIOCCIOLA fantabancarella PUNTO com
(lo scrivo coś, è una tecnica anti spam)


Inizio pagina | PIANETI | URANIA 1-899 | URANIA 900-1500 | URANIA vari | LIBRI SF | LIBRI SF NORD | SF ANTIQUARIA | LEM 7! | AMICI della FB | PSEUDONIMI | VARIETÀ, CULTURA | FAQ | HOME